Skip to content

SALMO 48 (47)

13 maggio 2012
(Testo CEI2008)

48
Il monte Sion, dimora del Signore

1 Cantico. Salmo. Dei figli di Core.

2 Grande è il Signore e degno di ogni lode
nella città del nostro Dio.

La tua santa montagna, 3altura stupenda,
è la gioia di tutta la terra.
Il monte Sion, vera dimora divina,
è la capitale del grande re.

4 Dio nei suoi palazzi
un baluardo si è dimostrato.

5 Ecco, i re si erano alleati,
avanzavano insieme.

6 Essi hanno visto:
atterriti, presi dal panico, sono fuggiti.

7 Là uno sgomento li ha colti,
doglie come di partoriente,

8 simile al vento orientale,
che squarcia le navi di Tarsis.

9 Come avevamo udito, così abbiamo visto
nella città del Signore degli eserciti,
nella città del nostro Dio;
Dio l’ha fondata per sempre.

10 O Dio, meditiamo il tuo amore
dentro il tuo tempio.

11 Come il tuo nome, o Dio,
così la tua lode si estende
sino all’estremità della terra;
di giustizia è piena la tua destra.

12 Gioisca il monte Sion,
esultino i villaggi di Giuda
a causa dei tuoi giudizi.

13 Circondate Sion, giratele intorno,
contate le sue torri,

14 osservate le sue mura,
passate in rassegna le sue fortezze,
per narrare alla generazione futura:

15 questo è Dio,
il nostro Dio in eterno e per sempre;
egli è colui che ci guida in ogni tempo.

 

SUL SALMO 47

ESPOSIZIONE SUI SALMI

Discorso al popolo

Chiesa celeste nel santi e Chiesa terrestre in coloro che non cedono alle tentazioni.

1. [v 1.] Il titolo del salmo è: Lode del cantico per i figli di Core, nel secondo giorno della settimana. Accogliete, ciò che il Signore si è degnato di donare, come figli del firmamento. Infatti, nel secondo giorno della settimana, – cioè dopo il primo giorno che chiamiamo giorno del Signore -, e che è detto anche feria seconda, fu creato il firmamento del cielo o meglio il firmamento o cielo. Dio infatti chiamò il cielo firmamento 1. Nel primo giorno, invece, aveva fatto la luce, e l’aveva divisa dalle tenebre, ed aveva chiamato la luce giorno, e le tenebre notte. Ma, come indica il testo di questo salmo, anche qualche altra cosa ha preannunziato Dio in quella sua opera, qualche altra cosa che doveva compiersi in noi; e conforme a questa creazione i secoli si sono succeduti. Non invano il Signore dice di Mosè: Egli ha scritto di me 2; intendendo che tutte le cose che sono state scritte, sin da quando Dio ha dato inizio alla creazione, possono essere interpretate come immagini del futuro. Così tu puoi intendere che Dio ha fatto la luce, quando Cristo è risorto dai morti. Allora infatti di nuovo quella luce è stata divisa dalle tenebre; quando l’immortalità è stata separata dalla mortalità. Quanto segue dunque indica che per il capo è stato fatto anche il Corpo, che è la Chiesa. C’è infatti anche il salmo dedicato al primo giorno della settimana, nel quale con estrema chiarezza si parla della Resurrezione del Signore. In esso è detto: Alzate, o principi, le vostre porte, e innalzatevi, voi, porte dell’eternità e entrerà il re della gloria 3. È ovvio che è Cristo il re della gloria, del quale è detto: Se lo avessero conosciuto non avrebbero mai crocifisso il Signore della gloria 4. Dobbiamo quindi intendere nel secondo giorno della settimana la Chiesa di Cristo, ma la Chiesa di Cristo nei suoi santi, la Chiesa di Cristo in coloro i cui nomi sono scritti nel cielo, la Chiesa di Cristo in coloro che non cedono alle tentazioni di questo mondo. Essi sono degni del nome firmamento. Orbene la Chiesa di Cristo, in coloro che sono ben saldi (e dei quali l’Apostolo dice: Dobbiamo noi, che siamo forti, sostenere la debolezza degli infermi 5) è chiamata firmamento. Questo si canta nel salmo; ascoltiamolo, comprendiamolo, uniamoci, saremo glorificati, regneremo. Ascolta e riconosci che la Chiesa è detta firmamento anche nelle lettere degli Apostoli: La quale è – dice l’Apostolo –la Chiesa del Dio vivo, colonna e firmamento della verità 6Di questo firmamento si canta per i figli di Core, che voi sapete che sono i figli dello sposo crocifisso nel luogo del Calvario. Perché Core significa calvizie. Così continua il salmo che ha per titolo: Nel secondo giorno della settimana.

Rispondiamo con generosità all’amore di Cristo.

2. [v 2.] Grande è il Signore e sommamente degno di lode. Ecco che grande è il Signore e sommamente degno di lode; ma forse che anche gli infedeli lodano il Signore? Forse che lodano il Signore anche coloro che credono, ma vivono male, e per colpa dei quali il nome di Dio è bestemmiato tra i Gentili? Lodano costoro il Signore 7? Oppure, se anche lo lodano, è bene accetta la loro lode, dato che sta scritto: Non è bella la lode sulla bocca del peccatore 8? Hai detto dunque: Grande è il Signore e sommamente degno di lode; ma dove? Nella città del Dio nostro, nel suo santo monte. Di questo monte altrove è detto: Chi salirà sul monte del Signore? Colui che ha le mani pure e limpido il cuore 9. In costoro grande è il Signore e sommamente degno di lode; cioè: nella città del nostro Dio, nel suo santo monte. Questa è la città posta sul monte, che non può essere nascosta, questa è la lampada che non si cela sotto il moggio, da tutti conosciuta, a tutti nota 10. Non tutti però sono suoi cittadini, ma coloro nei quali grande è il Signore e sommamente degno di lode. Vediamo qual è questa città. Dato che è detto: Nella città del nostro Dio, nel suo santo monte, dobbiamo cercare questo monte, dove potremo essere esauditi. Non invano è detto in un altro salmo: Il mio grido innalzo al Signore, e mi ha esaudito dal suo santo monte 11. Questo monte dunque ti ha udito per esaudirti. Infatti se tu non fossi salito su di esso, potresti giacere in basso e gridare, ma non potresti essere esaudito. Che cos’è dunque questo monte, fratelli? Dobbiamo cercare con grande attenzione, dobbiamo indagare con cura; dobbiamo salirvi con sforzo e pervenire alla vetta. Ma se è in qualche altra parte della terra, che cosa faremo? Ce ne andremo via dalla nostra terra, per poter giungere a quel monte? Che dico? Ce ne andremo pellegrinando, se non siamo in quel monte. Apparterremo infatti alla città [posta su monte], se saremo membra del re che è capo di questa città. Dov’è dunque questo monte? Se si trova in qualche contrada, dobbiamo darci molto da fare, come ho detto, per giungere ad esso. Ma perché ti affanni? Volesse il cielo che tu non fossi pigro a salire sul monte, come non è stato tardo il monte a venire a colui che dormiva. Vi fu infatti una certa pietra angolare degna di disprezzo, nella quale inciamparono i Giudei 12 e che era stata tagliata da un certo monte senza intervento di mani, cioè veniva dal regno dei Giudei senza che uomo l’avesse staccata, perché uomo non si avvicinò a Maria dalla quale è nato Cristo 13. Ma se questa pietra nella quale sono inciampati i Giudei fosse rimasta dove era, tu non avresti ove salire. Che cosa è accaduto dunque? Che cosa dice la profezia di Daniele? Dice che questa pietra crebbe, che è diventata un grande monte. Quanto grande? Tanto da riempire tutta la faccia della terra 14. Dunque, questo monte, crescendo e riempiendo tutta la faccia della terra, è venuto a noi. Perché allora cerchiamo il monte come se fosse assente, e non saliamo già su di lui che è presente, in modo che il Signore sia in noi grande e sommamente degno di lode?

Tutti sono chiamati, sia i Giudei che i gentili.

3. [v 3.] Infine, affinché tu riconosca questo monte anche nel salmo, e non pensi che lo si debba cercare in qualche parte della terra, osserva quanto segue. Dopo aver detto: nella città del nostro Dio, nel suo santo monte, che cosa aggiunge? Che diffonde l’esultanza di tutta la terra, i monti Sion. Sion è un solo monte, perché dunque parla di monti? Forse perché a Sion sono appartenuti anche coloro che sono giunti da diverse parti, per incontrarsi nella pietra angolare e divenire, essi che erano due pareti come due monti, uno della circoncisione, l’altro della incirconcisione; uno dei Giudei, l’altro dei Gentili; anche se distinti, perché provengono da diverse parti, ormai non più avversari perché riuniti riell’angolo? Perché egli è – dice – la nostra pace, colui che ha fatto di due uno 15. Egli è la pietra angolare che i costruttori hanno respinto e che è divenuta la pietra d’angolo 16. Il monte ha riunito in sé i due monti. Una dimora, e due dimore: due per la provenienza diversa, una per la pietra angolare nella quale ambedue si sono riunite. Ascolta ancora: I monti Sion; i fianchi del Settentrione, la città del grande re. Tu avevi pensato a Sion come a un solo luogo, dove è stata edificata Gerusalemme, e dove non avresti trovato altro che il popolo della circoncisione; il quale peraltro, riunito da Cristo tra il resto, in gran parte è stato vagliato come paglia. Sta scritto: Un resto si salverà 17. Ma osserva anche i Gentili; guarda anche l’olivo selvatico innestato nell’olivo domestico18. Ecco i Gentili: i fianchi del Settentrione; i fianchi del Settentrione sono stati uniti alla città del grande re. Il Settentrione è opposto a Sion: perché Sion è a Mezzogiorno e il Settentrione è opposto a Mezzogiorno. Chi è questo Settentrione, se non colui che disse: Porrò il mio trono a Settentrione e sarò simile all’Altissimo 19? Il diavolo aveva in pugno il regno degli empi, e dominava i Gentili che servivano gli idoli, e adoravano i demoni; e tutto quanto il genere umano sparso ovunque per il mondo aderendo a lui era divenuto Settentrione. Ma poiché colui che incatena il forte, ha portato via i suoi beni e li ha fatti propri20, gli uomini liberati dalla infedeltà e dalla superstizione dei demoni, credendo in Cristo si sono volti a quella città, si sono incontrati nell’angolo, con la pietra che veniva dalla circoncisione, e si è costituita la città del gran re, che un tempo era la stirpe del Settentrione. Perciò in un’altra parte della Scrittura è detto: Da Settentrione giunge un aureo chiarore; manifesta la grande gloria e l’onore dell’Onnipotente 21È una grande gloria per il medico, guarire un malato in caso disperato. Da Settentrione sono venute le nubi, e non nubi nere, non nebbiose, non tetre, ma del colore dell’oro. E perché di tal colore, se non perché illuminate dalla grazia per mezzo di Cristo? Ecco: I fianchi del Settentrione, città del grande re. Sono chiamati fianchi o stirpe perché si erano uniti al diavol morto ed è risuscitato, si era perduto ed è stato ritrovato. Quel vitello grasso è stato la pietra angolare. Infine anche il figlio maggiore, che non voleva banchettare 22, è entrato spinto dal padre; e così le due pareti, come quei due figli riuniti nel banchetto, hanno costituito la città del grande re.

Cristo è il nostro medico.

4. [v 4.] Continua questo salmo e dice: Dio nelle sue dimore sarà conosciuto. Dice nelle sue dimore riferendosi ai monti, alle due pareti, ai due figli. Dio nelle sue dimore sarà conosciuto. Ma sottolinea la grazia, e perciò aggiunge: Quando l’accoglierà. Che cosa sarebbe infatti tale città, se egli non l’accogliesse? Cadrebbe subito, se non avesse tale fondamento. Nessuno può porre altro fondamento all’infuori di quello che è già stato posto, e che è Cristo Gesù 23. Nessuno dunque si glori dei suoi meriti, ma chi si gloria, si glori nel Signore 24. Perché allora è grande quella città, allora in essa è conosciuto il Signore, quando Egli l’accoglierà; come il medico accoglie il malato per curarlo, non per amarlo in quanto malato. Infatti il medico odia la febbre. Il medico non ama il malato in quanto malato, eppure lo ama; se amasse il malato come tale, desidererebbe che restasse così; ma se non lo amasse, non andrebbe da lui; ama il malato per renderlo sano. Il Signore dunque accoglie questa città ed è riconosciuto in essa, cioè la sua grazia è conosciuta in quella città; perché tutto quanto ha quella città che si gloria nel Signore, non lo ha da se medesima. Per questo è detto: Che cosa hai che non hai ricevuto? Ma se hai ricevuto perché te ne glori come se tu non lo avessi ricevuto? 25 Dio nelle sue dimore sarà conosciuto quando l’accoglierà.

Cristo è il nostro re, che ci promette il regno dei cieli.

5. [vv 5-7.] Perché ecco i re della terra si sono collegati. Ecco che ormai vedete i fianchi del Settentrione come vengono, e come dicono: Venite, saliamo sul monte del Signore; perché egli ci ha annunziato la sua vita affinché entriamo in essa 26. Ecco, i re della terra si sono collegati e si sono riuniti in uno solo. Chi è questo uno solo, se non quella pietra angolare 27Essi vedendo sono rimasti stupiti. Dopo lo stupore per i miracoli e per la gloria di Cristo che cosa è accaduto? Si sono turbati, si sono commossi, il terrore si è impadronito di loro. Perché il terrore si è impadronito di loro se non per la coscienza delle loro colpe? Corrano dunque i re dietro il re, riconoscano i re il re. Per questo altrove dice: Ma io sono stato costituito re da lui sopra Sion, il suo santo monte, per annunziare il comando del Signore; il Signore mi ha detto: Tu sei Figlio mio, io oggi ti ho generato. Chiedi a me, e ti darò le genti in tua eredità e i confini della terra in tuo possesso; li governerai con verga di ferro, e come vasi d’argilla li frantumerai 28Si è fatto dunque sentire il re costituito in Sion, gli è stato consegnato il potere fino ai confini della terra. I re debbono temere di perdere il regno, che non venga loro tolto, come temette quel misero Erode che uccise i fanciulli al posto del bambino 29. Temendo di perdere il regno, non meritò di conoscere il re. Volesse il cielo che anche lui avesse, come i Magi, adorato il re! Non avrebbe cercato malamente il regno, uccidendo gli innocenti, e sarebbe perito il colpevole. Infatti, per quanto era in suo potere, egli uccise gli innocenti; quanto invece a Cristo, anche se bambino, egli incoronò i fanciulli morti al suo posto. Dunque i re hanno dovuto temere quando fu detto: Ma io sono stato stabilito re da lui, e colui che mi ha fatto re mi darà l’eredità fino ai confini della terra. Ma perché lo invidiate, o re? Osservate, non invidiate. Egli è re in un modo diverso, lui che ha detto: Il mio regno non è di questo mondo 30Non abbiate timore che Egli vi tolga il regno di questo mondo; anzi Egli vi darà un regno, ma quello dei cieli, dove Egli è re. Che cosa segue pertanto? E ora, re, comprendete.Già vi eravate preparati a invidiarlo: Comprendete; si tratta di un altro re, il cui regno non è di questo mondo. Giustamente dunque i re si sono riuniti in uno solo, si sono turbati, il terrore si è impadronito di loro.Per questo vien detto loro: E ora, re, comprendete, ravvedetevi, tutti voi che giudicate la terra. Obbedite al Signore nel timore e acclamatelo con tremore 31E che cosa hanno fatto? Ecco le doglie, come di partoriente. Che cosa sono le doglie di partoriente, se non i dolori del penitente? Osserva la concezione stessa del dolore e del parto: Dal tuo timore – dice Isaia – abbiamo concepito e abbiamo partorito lo spirito della salvezza 32. In questo modo dunque i re hanno concepito per il timore di Cristo, onde generare la salvezza nel parto, credendo in colui che avevano temuto. Ecco le doglie come di partoriente. Dove odi parlare di partoriente, aspettati il neonato. Il vecchio uomo ha partorito, quindi è nato l’uomo nuovo. Ecco le doglie come di partoriente.

6. [v 8.] Con vento violento frantumerai le navi di Tarsis. Per dirla brevemente, reprimerai la superbia delle genti. Ma in qual modo con questa citazione si esprime la repressione della superbia delle genti? A cagione delle navi di Tarsis. I dotti hanno cercato la città di Tarsis, cioè hanno cercato quale città fosse indicata con questo nome. Ad alcuni sembrò che Tarsis fosse in Cilicia, per il fatto che la capitale della Cilicia è chiamata Tarso. Di questa città era originario anche l’apostolo Paolo, nato a Tarso di Cilicia 33. Ma altri hanno creduto che Tarsis fosse Cartagine; forse perché un tempo era così nominata, oppure perché così era indicata con un’altra espressione. Infatti nel profeta Isaia troviamo: Gemono le navi di Cartagine 34. In Ezechiele invece, a seconda degli interpreti, troviamo tradotta da alcuni Cartagine, e da altri Tarsis 35; e da questa diversità delle traduzioni si può intendere che è chiamata Tarso la città che era detta Cartagine. Si sa peraltro che ai primordi del regno di Cartagine fioriva la navigazione, e tanto fioriva che Cartagine eccelleva per i commerci e i traffici rispetto alle altre genti. Infatti quando Didone, fuggendo il fratello, naufragò sulle terre d’Africa, dove fondò Cartagine, prese per la fuga le navi che erano state preparate per il commercio in quelle contrade, con l’accordo dei principi di quelle regioni; e queste stesse navi non cessarono di commerciare anche dopo la fondazione di Cartagine. In seguito a ciò questa città è assurta a tale superbia, che degnamente nelle sue navi si può scorgere la superbia dei popoli, che si fidano di cose incerte come il soffio dei venti. Non fidiamoci più delle vele, né della prosperità di questo secolo né del favore del mare; il nostro fondamento sia in Sion; ivi dobbiamo stabilirci, non essere sospinti da ogni vento di dottrina 36. Siano dunque rovesciati tutti coloro che si inorgogliscono nelle incertezze di questa vita; e sia sottomessa a Cristo la superbia di tutte le genti, a Cristo che frantuma con vento violento le navi di Tarsis; non le navi di qualsiasi città, ma quelle di Tarsis. E che significa con vento violento? Significa con fortissimo timore. Così infatti ha tremato la superbia di ognuno di fronte a lui che giudicherà, onde creda nell’umile e non si spaventi del sublime.

L’adempimento delle promesse nella Chiesa.

7. [v 9.] Come abbiamo udito, così abbiamo anche visto. O Chiesa felice! A suo tempo hai udito, a suo tempo hai visto. Ha udito nelle promesse, vede nella realtà, ha udito nella profezia, vede nel Vangelo. Perché tutte le cose che ora si adempiono, prima sono state profetate. Innalza dunque gli occhi, e getta uno sguardo nel mondo, e osserva ormai come si è estesa l’eredità fino ai confini della terra; vedi che già si è realizzato quanto è stato detto: Lo adoreranno tutti i re della terra, tutte le genti gli obbediranno 37. Guarda che già si è compiuta la profezia: Sia tu esaltato, o Dio, sopra i cieli, e la tua gloria sopra tutta la terra38. Contempla colui che ebbe piedi e mani trafitti dai chiodi, le cui ossa pendenti dal legno furono contate, e sulle cui vesti furono gettate le sorti 39; contemplalo regnare, lui che essi hanno visto in croce, osservalo mentre siede in cielo lui che essi disprezzarono mentre camminava in terra. Vedi come si sono realizzate le parole: Si ricorderanno e si convertiranno al Signore tutti i paesi della terra, e si prosterneranno al suo cospetto tutte le stirpi delle genti 40Vedendo tutto questo esclama con gioia: Come abbiamo udito così abbiamo anche visto. E giustamente dunque ci si rivolge alla Chiesa sparsa fra i Gentili con queste parole: Ascolta, o figlia, guarda e porgi orecchio, e dimentica il tuo popolo e la casa di tuo padre 41. Il tuo padre fu il Settentrione, vieni al monte Sion. Ascolta e guarda: non, guarda e poi ascolta; ma, ascolta e guarda; prima ascolta e poi guarda. Ascolti dapprima ciò che non vedi, vedrai più tardi ciò che hai udito. Dice il Signore: Il popolo che non ho conosciuto mi ha servito, ascoltandomi con l’orecchio mi ha obbedito42Se ha obbedito ascoltando con l’orecchio, dunque non ha visto. E non ricordi le parole: Coloro ai quali non fu preannunziato di lui, vedranno: e coloro che non avranno udito, comprenderanno 43? Coloro ai quali non furono mandati i profeti, per primi ascoltarono e compresero i profeti; coloro che dapprima non li udirono, poi, udendoli, rimasero ammirati. Coloro ai quali i profeti erano stati inviati, rimasero insensibili, portando seco i codici, ma non comprendendo la verità, possedendo le tavole del Testamento, ma senza possederne l’eredità. Noi invece come abbiamo udito così abbiamo visto. Nella città del Signore degli eserciti, nella città del nostro Dio. Ivi abbiamo udito, ivi abbiamo anche visto. Chi rimane fuori di essa non ascolta né vede; chi è in essa non è né sordo né cieco. Come abbiamo udito così abbiamo anche visto. E dove ascolti? E dove vedi? Nella città del Signore degli eserciti, nella città del nostro Dio. Dio l’ha fondata per l’eternità. Non ci insultino gli eretici che si sono divisi in fazioni; non si insuperbiscano coloro che dicono: Ecco Cristo è qui, ecco è lì 44. Colui che dice: Ecco è qui, ecco è lì, spinge alla divisione. Dio ha promesso l’unità; i re si sono riuniti insieme, non si sono frantumati negli scismi. Ma forse questa città che ora domina il mondo, un giorno sarà rovesciata. Non sia mai: Dio l’ha fondata per l’eternità. Orbene, se Dio l’ha fondata per l’eternità, perché temi che cada il suo fondamento?

È cristiano solo chi ai sacramenti unisce i buoni costumi.

8. [v 10.] Abbiamo ricevuto, Dio, la tua misericordia in mezzo al tuo popolo. Chi sono coloro che hanno ricevuto, e dove hanno ricevuto? Non ha forse ricevuto lo stesso popolo tuo la tua misericordia? Se il tuo popolo ha ricevuto la tua misericordia, come noi abbiamo ricevuto la misericordia tua e l’abbiamo ricevuta in mezzo al tuo popolo come se altri siano coloro che hanno ricevuto, ed altri coloro in mezzo ai quali tale misericordia è stata ricevuta? Grande mistero, ma tuttavia non sconosciuto; quando anche di qui, cioè da questi versi sarà tratto fuori e liberato il significato, non sarà duro, ma dolce. Di fatto il popolo di Dio è costituito da tutti coloro che partecipano ai suoi sacramenti, ma non tutti appartengono alla sua misericordia. Tutti coloro che ricevono il sacramento del battesimo di Cristo sono chiamati cristiani; ma non tutti vivono in modo degno di tale sacramento. Vi sono infatti alcuni dei quali l’Apostolo dice: hanno l’apparenza della pietà, ma sono privi di quanto ne forma l’essenza 45. Tuttavia, per questa apparenza della pietà portano il nome di popolo di Dio, così come insieme col grano si trova la paglia, finché non viene vagliata. Verrà riposta forse anche nel granaio? Ebbene, in mezzo a questo popolo malvagio c’è il popolo buono, che ha ricevuto la misericordia di Dio. Vive in modo degno della misericordia di Dio colui che ascolta e ricorda e compie ciò che dice l’Apostolo: Come maestri dunque vi scongiuriamo a non ricevere invano la grazia di Dio46Chi non riceve invano la grazia di Dio, riceve tanto il sacramento quanto la misericordia di Dio. E come gli pregiudica il fatto di essere in mezzo al popolo disobbedente, finché la messe non sarà vagliata, finché i buoni non saranno separati dai malvagi? Che danno gli porta abitare in mezzo al popolo? Sia tra coloro che sono chiamati firmamento, ricevendo la misericordia di Dio, sia giglio in mezzo alle spine. Vuoi sentire che anche le stesse spine appartengono al popolo di Dio? Così dice la similitudine: Come giglio in mezzo alle spine, così la mia diletta in mezzo alle figlie 47. Ha detto forse in mezzo alle estranee? No, ha detto: in mezzo alle figlie. Si tratta dunque di figlie malvagie, e tra di esse c’è il giglio in mezzo alle spine. Ne consegue che coloro che hanno i sacramenti ma non hanno i buoni costumi, sono detti di Dio e non sono di Dio; sono detti figli suoi ed estranei; suoi a cagione del sacramento, estranei per i loro vizi. Così anche le figlie sono estranee: figlie per l’apparenza della pietà; estranee per la perdita della virtù. Sia giglio, accolga la misericordia di Dio, tenga stretta la radice del buon fiore, non sia ingrato per la dolce pioggia che viene dal cielo. Le spine sono ingrate, crescono grazie alla pioggia, ma crescono per il fuoco, non per il granaio.Abbiamo ricevuto, Dio, la tua misericordia in mezzo al tuo popolo. In mezzo al tuo popolo, che non riceve la tua misericordia, noi l’abbiamo ricevuta. Perché egli è venuto tra i suoi, ma i suoi non l’hanno ricevuto. Tuttavia a quanti l’hanno ricevuto ha dato il potere di diventare figli di Dio 48.

Come il grano sull’aia, così i giusti tra i peccatorì.

9. Qualcuno ora pensa: ma come? Questo popolo che riceve la misericordia di Dio in mezzo al popolo di Dio, quanti figli conta? Come sono pochi! Se ne trova appena qualcuno; e Dio si contenterà di loro, e perderà la moltitudine? Così dicono quelli che promettono a se stessi ciò che non hanno udito promettere da Dio. Ma veramente, se viviamo nel male, se godiamo le delizie di questo mondo, se obbediamo ai nostri piaceri, Dio ci perderà? Quanti sono coloro che obbediscono ai comandamenti di Dio? Se ne troveranno uno o due, comunque pochissimi; e Dio libererà solo essi e condannerà tutti gli altri? Non sia mai, dicono costoro; quando verrà e vedrà tanta folla alla sua sinistra, ne avrà compassione e darà loro il perdono. È proprio questo ciò che il serpente promise al primo uomo. Dio l’aveva minacciato di morte se avesse assaporato il frutto 49; ma il diavolo gli disse: Non sia mai, non morirete 50. Credettero al serpente e si resero conto che era vera la minaccia di Dio, ed era falsa la promessa del diavolo. Così anche ora, fratelli, bisogna pensare che tutta la Chiesa è nelle condizioni in cui era il paradiso terrestre. Il serpente non cessa di suggerire oggi ciò che suggerì allora. Ma la caduta del primo uomo ci deve servire di esempio per farci stare in guardia, non per imitare il peccato. Egli è caduto, perché noi, traendone insegnamento, risorgiamo. Rispondiamo a tali suggestioni ciò che rispose Giobbe. Il diavolo tentò anche lui per mezzo di una donna, come per mezzo di Eva, ma l’uomo che era stato vinto nel paradiso vinse nel letame 51. Non ascoltiamo dunque tali parole, né crediamo che siano pochi i buoni; sono molti, ma sono nascosti in mezzo ai più. Non possiamo di fatto negare che i malvagi sono molto numerosi; sono tanto numerosi che in mezzo ad essi i buoni quasi non si vedono, allo stesso modo in cui non si vedono i chicchi di grano in mezzo alla raccolta. Infatti, chiunque guarda la messe, può credere che vi sia soltanto la paglia. Dammi una persona inesperta, ed egli crederà che sia inutile mandare i buoi, inutile che gli uomini calpestino la paglia sudando sotto la calura; ma la massa deve essere purificata con la vagliatura. Allora verrà fuori la gran quantità di grano, che era nascosto in tanta paglia. Vuoi trovare i buoni? Sii buono e li troverai.

I giusti sono dovunque.

10. [v 11.] Osserva che cosa dice questo salmo contro tale scoraggiamento; con queste parole: abbiamo ricevuto, Dio, la tua misericordia in mezzo al tuo popolo ha fatto intendere che vi è il popolo che non riceve la misericordia di Dio, in mezzo al quale vi sono coloro che la ricevono; e affinché non venga in mente agli uomini che costoro sono tanto pochi da sembrare che non ve ne siano affatto, ascolta come ci consola con i versi che seguono: Secondo il nome tuo, Dio, così anche la tua lode fino ai confini della terra. Che significa: Grande è il Signore e sommamente degno di lode, nella città del nostro Dio, nel suo santo monte 52? Non possono lodarlo che i suoi santi. Coloro che vivono male non lo lodano; anche se predicano con la lingua, bestemmiano con la vita. Poiché dunque la sua lode non è che nei suoi santi, non dicano gli eretici: in noi è rimasta la sua lode, poiché siamo pochi e separati dalla folla; noi viviamo giustamente, noi lodiamo Dio, non soltanto con le parole, ma anche con la nostra vita. A loro si risponda con quanto dice il salmo: perché voi dite di lodare nella vostra setta Dio, al quale è detto: Secondo il tuo nome, Dio, così anche la tua lode fino ai confini della terra? Cioè, come sei conosciuto in tutta la terra così sei lodato in tutta la terra; e non mancano coloro che ovunque ti lodano. Ma ti lodano coloro che vivono nel bene. Secondo il tuo nome, Dio, così anche la tua lode fino ai confini della terra, non in una parte della terra, ma fino ai confini della terra. Di giustizia è piena la tua destra; cioè sono molti coloro che saranno alla tua destra. Non solo saranno molti coloro che saranno alla tua sinistra, ma vi sarà anche una folla riunita alla tua destra: Di giustizia è piena la tua destra.

11. [v 12.] Si rallegrerà il monte Sion ed esulteranno le figlie di Giudea a cagione dei tuoi giudizi, o Signore. O monte Sion, o figlie di Giudea, affaticatevi ora tra la zizzania, tra la paglia, affaticatevi tra le spine; ma esultate per i giudizi di Dio. Non sbaglia Dio nel giudicare. Vivete separate, anche se siete nate insieme: non invano sono uscite dalla bocca vostra e dal vostro cuore le parole: Non perdere con gli empi la mia anima, e con gli uomini sanguinari la mia vita 53Un così grande artefice vaglierà, porterà in mano il vaglio, affinché non cada nel mucchio della paglia da bruciare neanche un solo chicco di grano, né un solo filo di paglia finisca nella massa che deve essere riposta nel granaio 54. Esultate, figlie di Giudea, a cagione dei giudizi di Dio che non sbaglia; e non giudicate temerariamente. A voi compete raccogliere, a lui compete separare.Si rallegrerà il monte Sion ed esulteranno le figlie di Giudea a cagione dei tuoi giudizi, Signore. E non crediate che le figlie di Giudea siano i Giudei. Giuda significa confessione. Tutti i figli della confessione sono figli di Giudea, poiché le parole: La salvezza viene dai Giudei non significa altro che Cristo viene dai Giudei 55. Questo ha detto anche l’Apostolo: Poiché non è giudeo colui che è tale all’esterno e la circoncisione non è quella visibile nella carne, ma è giudeo colui che è tale nel suo intimo, e la circoncisione è quella del cuore secondo lo spirito, non secondo la lettera, e la sua lode non viene dagli uomini, ma da Dio 56. In questo modo devi essere giudeo: gloriati della circoncisione del cuore, anche se non hai la circoncisione della carne. Esulteranno le figlie di Giudea a cagione dei tuoi giudizi, Signore.

12. [v 13.] Circondate Sion e abbracciatela. Sia detto questo a coloro che vivono nel male, e in mezzo ai quali sta quel popolo che ha ricevuto la misericordia di Dio. In mezzo a voi è il popolo che vive bene:Circondate Sion. Ma in qual modo? Abbracciatela. Non circondatela con scandali, ma circondatela di carità; in modo da imitare coloro che vivono bene in mezzo a voi e potervi così incorporare a Cristo di cui essi sono le membra. Circondate Sion e abbracciatela. Parlate dalle sue torri. Cioè annunziate le sue lodi dall’alto delle sue fortificazioni.

La carità sopporta tutto.

13. [v 14.] Ponete i vostri cuori nella sua virtù. Non abbiate l’apparenza della pietà, negando la sua virtù 57; ma ponete i vostri cuori nella sua virtù. Qual è la virtù di questa città? Chi vuol comprendere la virtù di questa città, comprenda la forza della carità. Essa è la virtù che nessuno vince: nessun flutto del mondo, nessun fiume di tentazione riesce ad estinguere il fuoco di questa virtù. Di essa è detto: Forte come la morte è l’amore 58Come quando viene la morte non le si può resistere, e quali che siano le arti, quali che siano i medicamenti cui tu ricorri non puoi evitare la violenza della morte, perché sei nato mortale, così contro la violenza dell’amore il mondo non può far niente. La similitudine della morte ha efficacia nel senso opposto, perché come la morte è violentissima per togliere, così l’amore è violentissimo per salvare. Per questo amore molti sono morti al secolo, onde vivere per Dio. Che cosa fecero le tentazioni dei persecutori ai martiri infiammati da questa carità, che non fingevano, non erano gonfi di vanagloria, non erano come quelli di cui è detto: Se darò il mio corpo per bruciare, ma non avrò la carità, a niente mi giova 59, ma erano tanto ardenti che l’amore per Cristo e per la verità li conduceva al martirio? Ebbero maggior forza gli occhi dei loro parenti che piangevano che non le violenze dei persecutori. I figli quanti ne trattenevano perché non soffrissero il martirio! Quante spose si abbracciavano ai ginocchi dei loro sposi affinché non le lasciassero vedove! Quanti figli cercavano di impedire ai genitori di morire, come sappiamo e leggiamo nella passione di santa Perpetua! Tutte queste cose sono accadute. Ma quando mai le lacrime, fluenti pur coll’impeto che volete, sono riuscite ad estinguere la fiamma dell’amore 60? Questa è la virtù di Sion, cui anche altrove è detto: Sia pace nella tua virtù, e sicurezza nelle tue torri 61. Parlate dalle sue torri: ponete i vostri cuori nella sua virtù, e distinguete le sue dimore.

14. Che cosa dobbiamo intendere in queste parole: Ponete i vostri cuori nella sua virtù, e distinguete le sue dimore? Cioè: distinguete dimora da dimora, non confondetele. Perché una dimora è quella che ha l’apparenza della pietà, ma non ha la pietà; c’è però anche la dimora che ha l’apparenza e la realtà della pietà. Distinguete, non confondete. Ma allora distinguete e non confondete quando i vostri cuori ponete nella sua virtù, cioè quando siete divenuti uomini spirituali per mezzo della carità. Allora non giudicherete temerariamente; allora vi renderete conto che i malvagi non ostacolano i buoni finché siamo in questa terra.Distinguete le sue dimore. Queste parole possono essere interpretate anche in un altro modo. È stato detto agli Apostoli di distinguere quelle due dimore, una che proveniva dal popolo dei circoncisi e l’altra dal popolo dei non circoncisi. Quando infatti fu chiamato Saulo e divenne l’apostolo Paolo, convenendo nell’unità della dottrina con i colleghi nell’apostolato, decisero insieme che essi sarebbero andati nel popolo dei circoncisi, ed egli in quello dei non circoncisi 62. Con questa amministrazione del loro apostolato distribuirono le dimore della città del grande re, e, trovandosi d’accordo sulla pietra d’angolo, divisero nella dispensazione il Vangelo che avevano unito con la carità. Anzi è questa la migliore interpretazione. Continua infatti il salmo e mostra che queste parole sono dette ai predicatori: E distribuite le sue dimore per narrare alla generazione futura, cioè affinché giunga anche a noi, nel futuro, la dispensazione del loro Vangelo. Essi lavorarono infatti non soltanto per coloro con i quali vissero qui in terra; e neppure il Signore predicò soltanto per gli Apostoli ai quali si degnò di mostrarsi vivo anche dopo la resurrezione, ma ha predicato anche per noi. Parlava a loro, ma intendeva noi, quando diceva: Ecco io sono con voi ogni giorno fino alla consumazione dei secoli 63Forse che essi avrebbero vissuto fino alla consumazione dei secoli? E del pari dice: non prego soltanto per loro, ma per quelli che crederanno in me grazie alla loro parola 64.Dunque guardava a noi poiché ha sofferto per noi. Giustamente quindi si dice: per narrare alla generazione futura.

Protezione divina.

15. [v 15.] Per narrare che cosa? Che questi è il nostro Dio. Si vedeva la terra, ma non si vedeva il Creatore della terra; si ammetteva la carne, ma nella carne non era stato riconosciuto Dio. Si ammetteva la carne da coloro dai quali la carne stessa era stata assunta, dalla discendenza di Abramo, cioè la vergine Maria; ed essi si erano fermati alla carne e non avevano visto la divinità. O Apostoli, o grande città! predica dalle torri, e di’: Questi è il nostro Dio. Così, così allo stesso modo in cui è stato disprezzato, allo stesso modo in cui come pietra giaceva dinanzi ai piedi di coloro che vi inciampavano, per umiliare i cuori di coloro che confessavano, così Questi è il nostro Dio. Certamente è stato visto, come è stato detto: Dopo queste cose è stato visto in terra, ed ha vissuto con gli uomini 65Questi è il nostro Dio. Ma è uomo, e chi lo riconoscerà? Questi è il nostro Dio. Ma forse lo è per un certo tempo, allo stesso modo in cui lo sono gli dèi falsi. Questi ultimi possono essere chiamati dèi, ma non possono essere dèi, e soltanto per qualche tempo sono detti tali. Che dice infatti di loro il profeta, o meglio che cosa ci invita a dire di loro? Queste cose direte di loro; quali cose? Gli dèi che non hanno fatto il cielo e la terra, scompariranno dalla terra, e di sotto al cielo 66Non così è Dio, poiché il Dio nostro è al di sopra di tutti gli dèi. Al di sopra di quali dèi? Perché tutti gli dèi delle genti sono demoni, mentre il Signore ha creato i cieli 67Egli è dunque il nostro Dio, questi è il nostro Dio. Fino a quando? In eterno e nei secoli dei secoli; egli ci reggerà nei secoli. Se è nostro Dio, è anche nostro re; ci protegge, perché è Dio affinché non moriamo; ci governa, perché è nostro re, affinché non cadiamo. Ma governandoci non ci frantuma; infatti frantuma coloro che non governa. Li reggerai, sta scritto, con verga ferrea, e come vasi di argilla li frantumerai 68Ve ne sono alcuni che non regge; ad essi non perdona, e come vasi di argilla li frantuma. Desideriamo dunque essere governati e liberati da lui; perché questi è il nostro Dio in eterno, e nei secoli dei secoli; ed egli ci reggerà nei secoli.

Annunci

From → 48

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: